29enne si finge una donna online: Estorce 2mila euro a un uomo

Un uomo si finge una donna online adescando un uomo di 55 anni e ricattandolo proprio con le sue stesse foto intime ottenute, grazie a videochiamate e videomessaggi spinti.

29enne si finge una donna online e adesca un uomo di 55 anni estorcendo ben 2mila euro arrivando al punto di minacciarlo diffondendo immagini private ma soprattutto intime. Il ragazzo è stato così denunciato dalla polizia postate di Varese.

Quest’ultimo dalle indagini che sono emerse, avrebbe finto di essere una donna cercando di trovare e adescare online degli uomini per rubargli soldi. L’uomo in questione infatti, registrava le chiamate ma in particolar modo i messaggi e le foto intime per ricattare in un secondo momento chi aveva di fronte.

Online il 29enne si vantava di essere una bellissima donna pronta a conoscere uomini per poi trasformarli in vere e proprie vittime. Tra questi infatti, c’era un uomo di 55 anni residente a Varese che, ha iniziato con questa “finta donna” una vera e propria relazione online fatta di videochiamate intime e videomessaggi.

Lo scopo ben preciso del truffatore era semplicemente quello di ricattare ed estorcere più soldi possibili. Ricattandolo poi in un secondo momento con le sue foto intime ricevute.

29enne si finge una donna online: Estorce 2mila euro a un uomo

Stando alle indagini che la polizia postale di Varese partite dopo la denuncia dell’uomo di 55 anni, il 29enne avrebbe utilizzato un distorsore vocale. Oppure l’aiuto di una sua amica per conquistare la sua fiducia giorno dopo giorno.

La vittima si era lasciato andare a video intimi e foto importanti che sono state in un secondo momento utilizzate per ricattarlo ed ottenere la somma di denaro richiesta.

29enne si finge una donna online

In un primo momento il 55enne ha pagato il silenzio dell’aggressore versando una cifra pari a 2mila euro. Poi decidere di denunciare il tutto non essendo più in gravo di pagare le somme richieste.

Dopo la denuncia, la polizia Postale è riuscita a risalire al 29enne facendo scattare anche una perquisizione all’interno della sua abitazione. A casa sua sono così stati sequestrati la carta di credito e gli account dei social che venivano usati per adescare altri uomini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *