Elodie, monologo in lacrime a Sanremo: “Non mi sentivo all’altezza”

Ne ha fatta di strada dalla sua partecipazione ad Amici, la cantante Elodie racconta come è nato il suo sogno di cantare in un toccante monologo sul palco di Sanremo.

Il grande pubblico televisivo ha iniziato a conoscerla grazie ad Amici di Maria De Filippi. Ma, da allora, la cantante Elodie ha fatto davvero molta strada. Durante la serata di ieri, Elodie è stata protagonista di un monologo molto toccante sul palco del Teatro Ariston di Sanremo.

Elodie ha raccontato nel suo monologo di quando e come è nato il suo sogno di diventare una cantante. Dall’infanzia nella periferia di Roma, alla tentazione di rinunciare al suo sogno, sono stati gli incontri giusti a darle la forza di non mollare.

«Tutte le volte che sono riuscita ad abbattere un muro sono successe delle cose molto belle nella mia vita e allora ho deciso di raccontarvi qualcosa di me. Il mio quartiere mi ha dato tanto e mi ha tolto tanto e non parlo solo delle privazioni materiali, come non avere l’acqua calda o non riuscire ad arrivare a fine mese, ma parlo anche della voglia di sognare».

L’infanzia di Elodie non è stata solo difficile a causa delle privazioni materiali, ma anche per la difficoltà di continuare a sognare. La cantante, oggi affermata, ha ammesso di non essersi sentita all’altezza dei suoi stessi sogni per molto tempo.

Elodie e il toccante monologo in lacrime a Sanremo

«Non mi sentivo all’altezza, tante volte non mi sono data una possibilità. Non ho finito il liceo, non ho preso la patente, non ho studiato canto. Ho sbagliato, lo so».

Tuttavia, un incontro in particolare le ha dato la forza di non arrendersi. «A vent’anni avevo deciso che la musica era finita, avevo deciso di non fare più niente. Però sono stata molto fortunata. Ho conosciuto un pianista jazz, il suo nome è Mauro Tre e questa sera è con me sul palco».

Elodie, tra le lacrime, ringrazia chi le è stato accanto, prima di cantare un brano di Mina. «Grazie perché mi hai dato una possibilità dove non me la sono data io. Tutti meritiamo una possibilità e tu mi hai fatto amare il jazz. Io sono stata la prima ad avere un pregiudizio su me stessa».

elodie monologo
Elodie e Amadeus – Guarda che Notizia

«Quello che mi ha insegnato Mauro è che non bisogna sempre sentirsi all’altezza delle cose, l’importante è avere il coraggio di farle e poi si aggiusta in corsa. Probabilmente io non sono all’altezza di questo palco, ma essere all’altezza non è più un mio problema, perché essere all’altezza è un punto di vista».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *