Gianluigi Nuzzi e la cicatrice sul suo volto ha sempre incuriosito moltissimo i telespettatori che ormai da tantissimi anni lo seguono. Il conduttore di “Quarto Grado” in onda su Rete 4 in prima serata ha sempre tenuto incollati tante persone grazie al suo modo di fare ma soprattutto alle tante informazioni che ogni volta trasmette.

Nuzzi porta avanti all’interno del suo programma diverse inchieste irrisolte facendo chiarezza nei dettagli importanti. Nonostante la grande bravura nel suo lavoro, i telespettatori si sono sempre chiesti quali siano i reali motivi che il giornalista nasconde dietro le sue cicatrici.

In pochissimi infatti, conoscono la vera storia e il grave incidente che ha visto protagonista Gianluigi nel corso della sua vita e che, gli ha provocato delle cicatrici in viso molto visibili.

Il conduttore si è sempre distinto per il suo modo serio ma soprattutto chiaro di esprimere i concetti ma anche di far chiarezza su dei concetti importanti nei confronti dei suoi telespettatori. Negli anni passati, Gianluigi Nuzzi ha spiegato il grave incidente che ha subito e che gli ha provocato le cicatrici che noi tutti possiamo vedere sul suo volto.

Gianluigi Nuzzi e la cicatrice sul volto: Il drammatico motivo e l’incidente

Gianluigi Nuzzi e la cicatrice

Il giornalista non ha mai nascosto le cicatrici sul suo volto, tantomeno l’incidente che ha segnato particolarmente la sua vita. Qualche tempo fa Gianluigi Nuzzi ha così rivelato a Ok Salute cosa è accaduto durante una giornata di Agosto. Un’incidente inaspettato che ormai fa parte di un ricordo spiacevole ma sempre molto vivido nella sua vita.

Gianluigi Nuzzi ha così spiegato che: “Era agosto del 1998, ero in vacanza in Grecia e stavo andando in motorino a raggiungere in spiaggia i miei genitori, quando ho avuto uno scontro frontale con una jeep. Ricordo un dolore tremendo e poi lunghi mesi di ospedale”. Lo scontro fatale ha segnato per sempre la vita ma soprattutto il volto del giornalista che, non tornerà mai più come prima.

“Il mio viso non è più tornato quello di prima, ma ho imparato ad accettarlo. Oggi ricordo ancora quel terribile episodio della mia vita con grande emozione, ma senza più dolore. C’è anche l’orgoglio di aver superato le paure, prima fra tutte quella di risalire sul motorino. Un anno dopo ero di nuovo in sella”.

Così Gianluigi Nuzzi ha spiegato come si è procurato quella cicatrice sul volto che tutti i telespettatori hanno imparato ad apprezzare proprio come il grande carattere del giornalista. L’incidente che lo ha visto protagonista non ha cambiato assolutamente il carattere ma soprattutto la bravura del conduttore nel suo grande lavoro.