Piera Napoli di 32 anni uccisa dal marito: gelosia sfociata in omicidio

La cantante neomelodica, madre di tre figli, è stata ritrovata accoltellata più volte nel bagno di casa. Il marito ha confessato il delitto. I vicini parlano di urla e liti continue tra la coppia.

La tragedia si è consumata poche ore fa: Piera Napoli, cantante neomelodica di trentadue anni e madre di tre figli, è stata ritrovata accoltellata nel bagno di casa, a Palermo. Ad ucciderla barbaramente è stato il marito e padre dei loro figli, Salvatore Baglione, di trentasette anni.

L’omicidio si è consumato al termine dell’ennesima lite tra la coppia. Alla base di tutto ci sarebbe la gelosia. Salvatore Baglione si è presentato spontaneamente dai carabinieri, raccontando che la moglie era morta. Incalzato dagli inquirenti, il marito ha confessato l’assassinio ed è stato fermato per omicidio aggravato.

Piera Napoli, cantante e mamma, uccisa dal marito a Palermo

I fatti, secondo i carabinieri, si sarebbero svolti mentre i figli della coppia si trovavano dai nonni. Al culmine dell’ennesima lite per motivi di gelosia, Salvatore avrebbe accoltellato Piera. I vicini della coppia sentivano spesso urla e liti.

Il padre di Piera ha raccontato che la figlia continuava a rimanere nella casa coniugale solamente per i bambini. Piero Sala, discografico col quale Piera Napoli collaborava, ha espresso il suo dolore su Facebook.

“Era una ragazza semplice e solare. Una persona veramente per bene. Sono distrutto. In genere cantava canzoni d’amore neomelodiche di cui curavo gli arrangiamenti. Lei portava i testi e io mettevo la musica. Brani che possiamo definire puliti, senza esaltazione della malavita. Si distingueva da tante persone legate a questo mondo. Non mi sarei mai aspettato che suo marito facesse un gesto del genere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *