Striscia la Notizia, Rejae Bezzaz aggredita: “Pugni in faccia e telecamere rotte”

L'inviata di Striscia la Notizia, Rejae Bezzaz è stata aggredita e ha rischiato molto durante un servizio. La paura per il volto del Tg satirico di Canale 5.

L’inviata di Striscia la Notizia, Rejae Bezzaz, è stata aggredita a Roma, durante un servizio. L’accaduto è stato denunciato dallo stesso Antonio Ricci, ideatore del Tg satirico di Canale 5.

Il volto molto amato di Striscia la Notizia, Rejae Bezzaz, si trovava a Roma per continuare la sua inchiesta sul blocco degli sfratti per morosità. Il racconto di cosa è successo durante le riprese è drammatico.

“In Italia è stato prolungato a causa del Covid il blocco degli sfratti che però non tutela i proprietari e permette invece ad alcuni affittuari di approfittarsene. E’ il caso di un cittadino che, nonostante gestisca diverse pizzerie, non paga da più di un anno l’affitto”. 

“Inizialmente l’inquilino moroso è scappato, noi gli siamo stati dietro e poco dopo sono sbucati fuori due suoi amici. Ci hanno sorpreso, hanno distrutto telecamera e microfono e tirato un pugno in faccia a un operatore”.

Striscia la Notizia, Rejae Bezzaz aggredita a Roma: pugni e telecamere distrutte

Rejae Bezzaz non è stata l’unica inviata di Striscia la Notizia ad essere stata aggredita ultimamente. Anche Vittorio Brumotti è stato aggredito a Brescia, solo pochi giorni fa e non è certo la prima volta.

Il ripetersi di questi episodi ha spinto Antonio Ricci a denunciare l’accaduto e a mandare in onda tutti i filmati a testimonianza dell’accaduto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Striscia la notizia (@striscialanotizia)

Rejae Bezzaz, infatti, ha rischiato molto. Ma, alla fine, a pagare le conseguenze maggiori è stata la sua troupe. Un operatore è stato preso a pugni e l’attrezzatura è stata distrutta, senza che l’inviata potesse fare nulla.

La redazione di Striscia la Notizia non manca mai di rendere noti questi episodi. Antonio Ricci si preoccupa molto per i suoi inviati e difende con grande grinta la libertà d’informazione, documentando ogni cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *